Scadenze fiscali e adempimenti nella gestione del personale Settembre 2021

Nel mese di settembre, i datori di lavoro sono attesi dai consueti termini relativi agli adempimenti contributivi e fiscali nella gestione del personale. Vediamo quali sono i principali.

Le scadenze fiscali

Dopo le scadenze di luglio, sono molteplici le scadenze fiscali che attendono al varco il datore di lavoro nel mese di settembre e, più in generale, l’imprenditore nel mese di settembre.

In particolare, in tema di imposte dirette, si rammenta che, entro il 15 settembre 2021, i contribuenti titolari di partita Iva (soggetti che beneficiano della proroga), devono provvedere al versamento di quelle dovute a titolo di saldo e di 1° acconto risultanti dalla dichiarazione modello Redditi.

I contribuenti IVA mensili, invece, dovranno provvedere al versamento dell’IVA dovuta per il mese precedente, entro il 16 settembre.

Il 16 settembre, come di consueto, scadrà, anche, il termine per i seguenti versamenti:

  • Ritenute alla fonte su importi corrisposti nel mese precedente;
  • Rata di addizionale regionale e comunale trattenuta ai lavoratori dipendenti sulle competenze del mese precedente a seguito delle operazioni di conguaglio di fine anno, o in unica soluzione a seguito delle operazioni di cessazione del rapporto di lavoro;
  • Sesta rata acconto anno 2021 addizionale comunale, trattenuta ai lavoratori dipendenti sulle competenze del mese precedente.

Le scadenze contributive

In materia previdenziale, il suddetto termine (16 settembre) deve essere utilizzato per:

  • Il versamento alla Gestione Separata INPS da parte dei committenti, dei contributi corrisposti su compensi erogati nel mese precedente a collaboratori coordinati continuativi, associati in partecipazione e venditori a domicilio, iscritti e non iscritti a forme di previdenza obbligatoria;
  • Il versamento, da parte dei datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze lavoratori subordinati di qualsiasi categoria e qualifica iscritti alle gestioni previdenziali e assistenziali dell’INPS (ed ex ENPALS), dei contributi relativi alle retribuzioni dei dipendenti corrisposte nel mese precedente.

Entro il 15 settembre, invece, i professionisti iscritti alla Gestione separata INPS, gli artigiani e i commercianti devono effettuare il pagamento del saldo 2020 e del 1° acconto dei contributi dovuti per il 2021, a mezzo F24.

Le altre scadenze: accentramento posizione assicurativa, rapporti di lavoro, elenchi intrastat, Libro unico del Lavoro

Oltre alle scadenze fiscali e contributive ci sono da annotare anche altre scadenze da rispettare per il datore di lavoro:

Accentramento della posizione assicurativa: 16 settembre

per la presentazione, da parte dei datori di lavoro soggetti all’assicurazione infortuni, della domanda di accentramento della posizione assicurativa presso un’unica sede per il 2022 (l’invio deve essere effettuato alla Direzione INAIL regionale nel caso di più sedi a livello nazionale o regionale; oppure alla sede INAIL provinciale in caso di più sedi a livello provinciale, anche a mezzo PEC);

Comunicazione dei rapporti di lavoro in via telematica: 20 settembre

Per la comunicazione, da parte delle agenzie di somministrazione, di tutti i rapporti di lavoro instaurati, prorogati, trasformati e cessati nel mese precedente con lavoratori somministrati, in via telematica al Centro per l’impiego competente a mezzo modello UnificatoSomm;

Invio elenchi Intrastat: 27 settembre

27 settembre, termine ultimo (prorogato, in quanto il 25 cade di sabato) entro il quale gli operatori intracomunitari devono provvedere all’invio telematico degli elenchi Intrastat delle operazioni effettuate nel mese precedente;

Stampa del Libro Unico del Lavoro: 30 settembre

30 settembre per la stampa del Libro Unico del Lavoro relativamente ai dati retributivi del mese precedente. Entro la medesima data (30 settembre), i datori di lavoro che hanno alle proprie dipendenze lavoratori subordinati di qualsiasi categoria e qualifica iscritti alle gestioni previdenziali e assistenziali dell’INPS devono presentare i flussi retributivi e contributivi individuali dei lavoratori, relativi al mese precedente, al posto della denuncia DM 10/2 e del Flusso Emens, in via telematica all’INPS col mod. Uniemens individuale.

Le azioni da svolgere sono numerose ma grazie al nostro software Fluida potrai risparmiare tempo e denaro gestendo una parte di altre attività internamente come il calcolo delle retribuzioni e di tutti i trattamenti fiscali mensili e annuali in modo da non sottrarre tempo!

Puoi gestire tutti i tipi rapporto di lavoro dipendente e assimilati come collaboratori, tirocinanti, lavoratori autonomi e altri.

Trova online il professionista per la gestione paghe e adempimenti con Paghe.io. Compilando la tua richiesta, riceverai fino a 5 preventivi personalizzati in 48h, e senza impegno. Solo dopo aver valutato tutte le offerte, decidi se e quale attivare, in base alle tue esigenze.